Exhibition Projects - Batik Creations monica cosimi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Exhibition Projects

Exhibition Projects & Events

Progetto BrasilAsia

'Brasilasia' project, by exhibiting batiks which portray faces, bodies, as well as abstract figures, would like to bring to the attention of the observer the tribal tattoos tradition, which links geographically far off peoples such as Caduveo tribes of Brasil, Ainu tribes of Japan, and Rabari and Mer tribes of India. The project originates from my reading of  'Tristes tropiques', of the anthropologist Claude Lévi-Strauss. Lévi-Strauss spent a lot of time  observing and collecting drawings from the paintress-women, appraising quite surprisingly, that each one was different from the others. And admiring the dazzling images collected by Lévi-Strauss some pictures of the japanese Ainu people came to my mind, their women used to tattoo their faces with a kind of big "moustaches". The patterns of the Ainu tattoos are very different from those of Caduveo but they have the same meaning: Ainu women tattoo themselves for embellishment but also to indicate to society that they are in the wedding age. Similar observations can be taken into account when we turn to some indian nomadic ethnic groups, such as Rabari and Mer, in the Kutch region. Here the tattoos involve religious but also naturalistic symbols of leons, parrots, trees, fruits. Tattoos protect from evil spirits in this case also. I took the inspiration from these tattoo images 'translating' them into textiles patterns. I have chosen batik technique, that I find particularly suitable for the project I am trying to develop.

Il progetto BrasilAsia attraverso l’esposizione di  batik che ritraggono volti corpi così come figure astratte, vuole portare all’attenzione dell’osservatore la tradizione dei tatuaggi tribali, che lega popoli  geograficamente  lontani fra loro come i Caduveo in Brasile, gli Ainu in Giappone e i Rabari e Mer in India. Tutto nasce dalla lettura del testo “Tristes Tropiques” dell’antropologo Claude Lévi-Strauss. Egli trascorse molti anni osservando e raccogliendo i disegni delle donne pittrici, apprendendo con una certa sorpresa che nessun disegno somigliava all’altro. Ammirando le splendide immagini riportate da Lévi-Strauss mi sono venute in mente alcune fotografie delle donne Ainu giapponesi le quali si tatuavano il viso in prossimità della bocca con una specie di grossi baffi.  I disegni  Caduveo sono differenti da quelli Ainu, ma hanno simili significati: le donne Ainu si tatuano per adornarsi ma anche per indicare che erano pronte al matrimonio. Simili considerazioni si possono collegare ai tatuaggi di alcuni gruppi etnici nomadici in India i Rabari e i Mer nella regione del Kutch. Fra loro i tatuaggi includono motivi religiosi simboli naturalistici di leoni pappagalli alberi e frutti . I tatuaggi proteggono anche dagli spiriti maligni. Ho scelto la tecnica del batik che trovo particolarmente adatta per il progetto che sto cercando di sviluppare.


BrasilAsia è un progetto per una mostra di batik su seta rivolta ai tatuaggi facciali di tre etnie di Brasile Giappone e India. Filo conduttore del progetto è il significato di questi tatuaggi che è legato ad un principio sociale. Le tre etnie in oggetto Caduveo, Ainu e Rabari considerano i tatuaggi come simbolo di "evoluzione". Oltre alla necessità di adornare la propria figura le donne di queste etnie devono distinguersi dall'immagine del selvaggio. Ho scelto di realizzare la mostra in batik perché i disegni dei tatuaggi si prestano alla decorazione tessile ed essendo una tecnica antica permette la loro trasposizione sui tessuti.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu